Lo Star Wars che funziona


No, non sto parlando dell’ultimo misfatto di JJ Abrams e non sto parlando di cinema in generale. Anche se la Disney ci sta dando dentro, tra Rogue One e lo spin-off su Han Solo, e anche se sono il primo a sperare che il regista (nuovo) di Episodio VIII riesca a raddrizzare le sorti del mio franchise sci-fantasy preferito.

Tempo fa dedicai qualche riga alla partenza dell’ultima serie animata ambientata nel mondo di Star Wars, dal titolo Star Wars Rebels. C’erano cose buone, cose meno buone, un ottimo impatto emozionale e una certa fiducia nel futuro. E’ da poco andato in onda il finale di seconda stagione e la mia opinione è rimasta più o meno la medesima, con alcuni picchi. Ci saranno SPOILERS.

Riassuntino stagione 1

Pochi anni dopo il famigerato Ordine 66 il nuovo Impero è ancora a caccia dei pochi Jedi rimasti e di sporadiche cellule di ribelli che nun ce vonno sta’ e si producono in atti isolati di disturbo. Tra queste, il gruppo capitanato da Hera Sindulla e Kanan Jarrus, un Jedi sfuggito alla strage grazie al sacrificio della sua Maestra e mai divenuto compiutamente un Cavaliere. Questo non gli impedisce tuttavia di raccattare su Lothal un giovane ladruncolo, Ezra,  e di addestrarlo alle vie della Forza con le conseguenti pippe mentali sulla propria inadeguatezza in veste di maestro etc etc. Il gruppetto è completato da Sabine, una ex-mandaloriana con il dono per l’arte e gli esplosivi, Zeb, un bestione col senso dell’umorismo e il solito droide permaloso à la R2 di nome Chopper (C10Pqualcosa). I nostri amici vengono perseguitati dal tignoso agente imperiale Kallus e da un misterioso Inquisitore incaricato da Darth Vader himself di spacciare i Jedi ancora in giro.

fire_across_the_galaxy_30

La prima stagione si dipana tra alti e bassi nell’intento di farci conoscere i vari personaggi e portare avanti (lentamente) il filo conduttore della nascente Ribellione. Nell’emozionante finale assistiamo allo scontro tra Kanan e l’Inquisitore che culmina nella morte di quest’ultimo (per evitare la cattura) e all’ufficializzazione di una struttura organizzata nella Resistenza: si rivelano dunque ai nostri eroi il senatore Organa (padre adottivo di una certa principessa Leia Organa) e l’ufficiale di collegamento Fulcrum, al secolo Ahsoka Tano, ex Jedi, ex-padawan di tale Anakin Skywalker e protagonista della serie di Clone Wars. Ta-dan.

About Ahsoka

Sicuramente una fan-favourite, Ahsoka è forse uno dei personaggi meglio sviluppati di tutto l’universo di Star Wars assieme a Luke Skywalker (e volendo Zayne Carrick il quale però dopo l’intervento della Disney è uscito dal canon per rimanere nelle SW Legends). La conosciamo poco più che bambina quando viene affidata alle mani inesperte di Anakin, la seguiamo per ben cinque stagioni di Clone Wars mentre matura, crea un forte legame col suo maestro, e infine lo spezza forzosamente dopo una brutta storia di tradimento e sfiducia. (Per inciso: viene accusata di omicidio, fugge per cercare le prove della propria innocenza, viene ricatturata e cacciata dall’Ordine dei Jedi con disonore mediante rimozione del codino da Padawan e condotta davanti a Palpatine per la sentenza di condanna. Nel frattempo Anakin prosegue le indagini e scopre che Ahsoka è stata incastrata nientemeno che dalla sua migliore amichetta Padawan, Barriss Offee, e la inchioda in un drammatico combattimento nel tempio Jedi.)

2913777-1362242953_5327_ahsokasdeparture

Pentiti, Yoda & co. offrono ad Ahsoka il reintegro e la promozione sul campo a Cavaliere a tutti gli effetti. La ragazzina però, con due occhi grossi così che se li avesse fatti un’attrice vera avrebbe preso l’Oscar tout-court, sceglie di abbandonare Ordine e Maestro in un colpo solo e percorrere la sua strada da sola). La ritroviamo matura e cresciuta in Rebels, senza che nulla ci sia noto di ciò che le è accaduto fin qui; è evidentemente sfuggita all’Ordine 66, lavora per i Ribelli sotto copertura e, come scopriamo ben presto in un confronto contro i due nuovi inquisitori della seconda stagione, SPACCA.

tumblr_npfjowsnlc1rv6ukfo5_500

Nodi che vengono al pettine

La seconda stagione di Rebels vede un maggior coinvolgimento di Darth Vader (che hallelujah viene chiamato VEIDER) il quale fin dall’inizio si mette in gioco e mostra agli spettatori che Kanan ed Ezra sono ben poca cosa per lui; la trama orizzontale si dipana lentamente, forse troppo, raccontando i tentativi dei Ribelli di stabilire una base sicura. L’altro filo di trama è quello più strettamente legato ai Jedi e al loro sviluppo, nonché alla costante fuga dalla minaccia degli Inquisitori. L’apprendistato di Ezra procede tra mille dubbi, quelli di inadeguatezza di Kanan e quelli dello stesso Ezra sempre pericolosamente in bilico tra i due lati della Forza. Come già detto, anche in questa stagione troppe volte si sbadiglia negli episodi “di transizione” – ma ne vale la pena considerato il rush emozionale che provocano invece le puntate cardine (in particolare la 1, la 10, la 18 e il finale 20/21). Non mancano le strizzate d’occhio, dall’inserimento di personaggi noti come la principessa Leia e Darth Maul alle spettacolari sequenze di battaglia spaziale.

maul-kanan-ahsoka-inquisitors

Ma il vero capolavoro è il doppio episodio finale, Il crepuscolo dell’Apprendista. In un sol colpo Filoni ottiene di mettere in gioco un grosso personaggio che potrà far danni nella terza stagione (Maul), avviare Ezra nel suo percorso verso il Lato Oscuro, dare una raddrizzata a Kanan che per un motivo o per un altro stava perdendo interesse e spessore rispetto agli altri, e soprattutto stendere un finale (?) plausibile e accettabile alla storia di Ahsoka. Il tutto in un crescendo emozionale paragonabile a “No, IO sono tuo padre” che JJ Abrams non se lo sogna manco dopo un cocktail di ecstasy ed LSD.

Non voglio fare ulteriori riassunti. Sappiate solo che fino alla fine non si capisce quale sia l’apprendista giunto al crepuscolo, fisico o ideale che sia (e volendo non si capisce nemmeno al termine). E che Ezra se ne esce con un bottino prezioso e pericolosissimo (e l’esigenza di una nuova spada laser, il merchandising ringrazia). E che una volta per tutte l’allieva e il Maestro si scontrano. E a un certo punto succede questo:

image-2

E poi, la musica che monta, e i silenzi, e gli sguardi significativi delle persone che si ritrovano e di quelle che non si ritrovano… Tanta, tanta roba. Compresa la scelta di lasciare un grosso punto interrogativo su tutto, per quanto sia abbastanza certo che la storia di Ahsoka sia giunta al termine e non avrà strascichi nella stagione successiva.

Conclusioni

E che dire.

Molti auspicano una fuoriuscita di personaggi di Rebels nei film della nuova trilogia. Ne sparano di tutti i colori in questo periodo, da Ezra che diventerebbe il nuovo villain a ritorni stile Force ghost per Ahsoka. Io, nonostante l’idea non possa che stuzzicare – se non altro come giusta legittimazione al grande pubblico di una serie ancora confinata al mezzo televisivo benché molto amata – ho i miei dubbi. Timori, a dirla tutta. Timori di veder rovinato quanto di buono è stato fatto. Rebels, per sua natura, così come Clone Wars è un prodotto “a termine” per ovvi motivi, primo fra tutti il lasso temporale breve e limitato da pilastri (Ep III ed Ep IV) pre-esistenti e immutabili. Facciamolo finire con questa stagione e lasciamogli la sua dignità di storia compiuta. Giusto?

Giusto un corno, ovviamente, perché il fan-boy che è in me i suoi personaggetti preferiti vuole vederli tutti in carne ed ossa FLODDARE i film dei prossimi centocinquant’anni di franchise, quindi de che stamo a parla’? DAJE! 😛

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: